DestinazioniFeste e AbitudiniThailandia

Inthakin – il festival del pilastro della città

Molte città in Thailandia ospitano il cosiddetto "pilastro della città", in legno o pietra, che si trova spesso nel cuore geografico della città. Il Festival di Inthakin è significativo per Chiang Mai e la sua gente che è consapevole delle antiche credenze e tradizioni. Se il pilastro della città viene rispettato, allora Chiang Mai e i suoi abitanti saranno al sicuro, felici e prospera

Molte città in Thailandia ospitano il cosiddetto “pilastro della città”, in legno o pietra, che si trova spesso nel cuore geografico della città. Tradizionalmente, questi pilastri sono stati creati quando è stato istituito un nuovo insediamento. Diverse regioni della Thailandia hanno nomi diversi per questi pilastri, ma nella vecchia lingua settentrionale thailandese, i pilastri erano chiamati “inthakin”. Alcuni storici ritengono che i pilastri rappresentino un fallo e siano stati creati per incoraggiare la fertilità della terra che sarebbe stata cruciale per una società agricola. Queste antiche credenze animiste precedono l’arrivo del Buddismo in Thailandia, ma anche mentre il Buddismo diffondeva le vecchie convinzioni tradizionali rimanevano ancora, proprio come fanno oggi in molti aspetti della società thailandese.

Inthakin – il festival del pilastro della città

Leggenda del pilastro Inthakin della città Chiang Mai

C’è un’antica leggenda che narra la storia di come il sito originale di Chiang Mai fosse una città afflitta da demoni. Un eremita chiese aiuto al dio Indra e dal cielo venne il pilastro di Inthakin per proteggere la città e il popolo dai demoni. Tuttavia, col tempo la gente trascurò il pilastro e tornarono i demoni e la città fu lasciata in rovina. Nel 1296, il re Mengrai scelse il sito di Chiang Mai per essere la nuova capitale del regno di Lanna. Il re Mengrai trovò il vecchio pilastro della città tra le rovine della città e gli fu raccontata la leggenda dei demoni. Ha collocato il pilastro nel centro geografico della nuova città in un tempio chiamato Wat Sadue Muang. Oggi, i resti di questo tempio possono essere visti all’interno del parco culturale (proprio dietro il Monumento ai Tre Re) nella zona della città vecchia di Chiang Mai.

Inthakin – il festival del pilastro della città

Wat Chedi Luang

Nell’anno 1800, il pilastro della città è spostato da Wat Sadue Muang al sito attuale a Wat Chedi Luang, a pochi passi lungo Phraplokkao Road. Nello stesso momento in cui il pilastro Inthakin è spostato a Wat Chedi Luang, è piantato un albero di yang (albero della gomma). Mentre entri nell’ingresso principale del complesso del tempio, questo è il grande albero sul lato sinistro che sorveglia il santuario bianco che ora ospita il pilastro della città. L’antico chedi dietro al tempio era una volta dimora del Buddha Smeraldo che ora si trova al Wat Phra Kaeo a Bangkok.

Inthakin – il festival del pilastro della città

Il festival di Inthakin

Il Festival di Inthakin è significativo per Chiang Mai e la sua gente che è consapevole delle antiche credenze e tradizioni. Se il pilastro della città viene rispettato, allora Chiang Mai e i suoi abitanti saranno al sicuro, felici e prospera. Il festival si svolge secondo il calendario lunare, ma di solito è a maggio o giugno. Quest’anno, 2019, è stato dal 14-22 luglio. L’evento attira decine di migliaia di persone ogni giorno, specialmente la sera quando le folle affollano Wat Chedi Luang per rendere omaggio e merito. Oltre a rendere omaggio al pilastro della città, è anche la possibilità di rispettare tutte le immagini del Buddha, tra cui il Fon Saan Haa Buddha che viene sfilato per le strade in una cerimonia colorata all’inizio del festival. Il nome di questo Buddha si traduce come “100.000 gocce di pioggia” e durante la sfilata l’aspersione di acqua lustrale sull’immagine è di incoraggiare la pioggia per i raccolti.

Inthakin – il festival del pilastro della città

La strada davanti al Wat Chedi Luang è pieno di bancarelle di cibo, mentre all’interno c’è un mini-fairground e un palco con spettacoli di musica tradizionale e danza thailandese. Ci sono anche spettacoli che rappresentano le antiche leggende della regione. Linee di persone si accodano per fare meriti e rendere omaggio al Buddha immaginato attorno al complesso di Wat Chedi Luang. Tuttavia, solo gli uomini possono entrare nel santuario che ospita il pilastro della città. Le donne sono obbligate ad accendere le loro candele e posizionare i loro fiori fuori dal santuario.

Tags
Show More

Quinn

Mi chiamo Quynh Anh, o potete chiamarmi Quin. Sono laureata il corso d'italianistica all'uniersita` di Hanoi. Ho un grande appassionato di viaggio e scoperta culturale. Vorrei che un giorno potessi viaggiare tutto il mondo e scopertare il mistero di ogni cultura che sarò attraverso. Sono molto contento di condividere con voi le esperienze di viaggio nel mio paese - Vietnam ed anche in altri paesi del sud-est asiatico

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Close