DestinazioniMyamar

La storia della Birmania / Myanmar

Myanmar, ha avuto una storia lunga, a volte traumatica. Oggi, daremo un’occhiata alla sua storia profonda e incredibile e al motivo per cui è diventato il Myanmar, (piuttosto che il suo nome precedente, la Birmania). Dai suoi primi abitanti, i Pyu nell’849, fino ai giorni nostri, vi daremo un’idea del passato di questo paese per aiutarvi a capire un paese come oggi.

 

Dov’è il Myanmar?

La storia della Birmania pic 1
La mappa di Myanmar

Prima di guardare la storia di questo affascinante paese, è utile sapere dove si trova! Il Myanmar confina a nord e ad est con la Tailandia, la Cina, il Bangladesh, il Laos e l’India nord-orientale, con una lunga linea costiera a ovest, al confine con il Golfo del Bengala e il Mare del Nord, Andamane.

 

Storia della Birmania

Anche se ci sono sogni di culture 11.000 anni fa (molto, molto molto tempo fa!) con reperti di utensili in pietra, animali domestici e anche tracce dell’età del bronzo e età del ferro fino al 200 AC, i primi abitanti registrati furono i Pyu (che arrivarono nello Yunnan nel II secolo AC), che ebbero origine nell’attuale Qinghai e Gansu (Cina). Hanno inoltre stabilito rotte commerciali tra la Cina e l’India che hanno introdotto il buddismo nella regione dell’India meridionale. Hanno fondato la maggior parte delle città centrali della Birmania, creando circa 18 stati nella Valle dell’Irrawaddy.

 

Sri Ksetra Bawbawgyi Pagoda – Pyu

Secondo i primi documenti cinesi, sono le persone pacifiche che indossano il cotone di seta piuttosto che la pura seta, quindi non danneggiano i bachi da seta (sembrano il nostro genere di persone!). Il Pyu rimase parte dell’area fino a quando non furono fusi nel Regno pagano di Burman nell’undicesimo secolo.

 

Dinastia pagana nel regno di Taungoo (849 – 1752)

I birmani hanno unito le incursioni contro gli stati più piccoli – Pyu con Nanzhao, e rimase in Birmania superiore, la creazione di piccoli insediamenti strategici intorno al fiume Chindwin nella valle Irrawaddy a metà del 9 ° secolo per pacificare gli altri abitanti della regione. Nel corso dei successivi 100 anni, questi insediamenti sono cresciuti, consentendo a Nanzhao di essere parte dell’area con un conflitto minimo.

 

Ciò ha portato alla nascita dell’Impero Pagan nel 1044 con l’ascesa di un nuovo leader, Anawrahta Minsaw, che riunisce diversi regni in un impero in 30 anni. Nel XII secolo, Pagano era diventata una potenza dominante nel sud-est asiatico, a fianco dell’Impero Khmer, dalla dinastia Song della Cina e della dinastia Chola dell’India. Anawrahta – considerato il padre della Birmania – era responsabile dello sviluppo delle basi sociali, religiose ed economiche della Birmania, che fanno ancora parte della cultura odierna. Tuttavia, nel 1277, i mongoli cominciarono a invadere e indebolire la regione dopo aver visto le crepe nel controllo della corona del paese e nel 1297 il Regno di Myinsaing, un regno vicino che era riuscito a respingere le invasioni mongole avuto il potere.

 

Pagoda di Bupaya

La storia della Birmania pic 2
Shwedagon Pagoda in Yangon, Myanmar.

Il regno di Myinsaing doveva essere di breve durata e l’area era divisa in quattro regni minori: Ava, Hanthawaddy, Shan e Arakan. È diventato un periodo turbolento, con ribellioni e attacchi esterni. C’era poca stabilità nella regione fino al 1599, quando il paese fu riunificato in un regno di Taungoo restaurato (che comprendeva parti della Thailandia e della Cina). L’allora re, Thalun, ricostruì il paese caotico e ordinò il primo censimento nel 1635, introdusse un sistema giuridico e politico, così come la nomina dei governatori della Valle dell’Irrawaddy. Questa stabilità creò un’economia prospera per quasi un secolo e il regno rimase in pace per la maggior parte di ciò che restava del diciassettesimo secolo.

 

Un tempo di turbolenze: la dinastia Konbaung (1752 – 1885)

Dopo la caduta di Taungoo, il regno restaurato di Hanthawaddy che ne seguì fu confrontato con una nuova dinastia a Shwebo – la dinastia militare Konbaung. Il re Alaungpaya, il capo del Kongbaung, rapì completamente l’Hanthawaddy e riunì la Birmania, diventando il più grande impero della sua storia.

 

Ciò che seguì fu una serie di guerre con Siam e Cina, prima di rivolgere la loro attenzione all’occidente mentre cercavano di espandere l’impero.

 

Guerre anglo-birmane

Con la Cina che è una forza molto più grande ad est, e il Siam guadagnando più terreno nel sud-est, il re Bodawpaya (il quarto figlio di Alaungpaya), decise che l’ovest era la migliore opzione per aumentare il dimensione del suo impero. Diverse invasioni hanno avuto successo nella sua vita: conquistare Arakan, Manipur e Assam, che ha dato loro un confine con l’India britannica. Nel 1819, il re Bagyidaw (il nipote di Bodawpaya e il successivo sul trono) si scontrò con diverse ribellioni a Manipur, su istigazione degli inglesi che proteggevano i territori indiani del confine. Ciò portò a una serie di tre guerre anglo-birmane tra il 1824 e il 1886. Ciascuno di questi portò ad un maggiore controllo della Birmania da parte dell’Impero britannico, determinando l’annessione dell’Alta Birmania e rese l’intero paese una provincia dell’India sotto il controllo del Raj britannico.

 

Fu anche in questo periodo che gli inglesi battezzarono la loro nuova colonia “Birmania” dopo i Burman, essendo il più grande gruppo culturale, e che i portoghesi la chiamarono “Birmania”, che era stata adottata anche dagli inglesi.

 

Nonostante la costante resistenza durante questo periodo, la Birmania non sarà più indipendente per più di 60 anni prima della Seconda Guerra Mondiale.

 

Seconda guerra mondiale: occupazione giapponese e rivolta comunista

La storia della Birmania pic 4
Le antiche pagode

Il caos della seconda guerra mondiale aprì diverse opzioni inaspettate per il popolo birmano. Alcuni credevano che gli aiuti agli inglesi potessero essere scambiati per un maggiore controllo del loro paese, mentre altri volevano evitare del tutto la guerra. Aung San, co-fondatore del Partito Comunista della Birmania e altri in un movimento noto come Thakins, ne facevano parte. Aung San divenne una figura chiave nel futuro della Birmania, collaborando con diversi gruppi, tra cui monaci politicamente attivi e il Partito dei poveri di Ba Maw ( Ba Maw’s Poor Man’s Party), il Freedom Bloc e infine l’Esercito di indipendenza birmano (BIA). La BIA fu istituita in previsione dell’invasione giapponese della Birmania nel 1942 e costituì un governo provvisorio in alcune aree. I giapponesi decisero che la rivolta politica in Birmania sarebbe stata vantaggiosa per loro, così al fianco di Ba Maw e Aung San, lavorò per creare l’Esercito di difesa della Birmania (BDA) fuori dalla BIA, con promesse di indipendenza dopo la guerra. Fu chiaro alla BDA e Aung San che l’indipendenza non sarebbe mai realmente avvenuta, e Ba Maw era stato ingannato.

 

Ciò portò a negoziati con diversi leader comunisti e socialisti per creare l’organizzazione antifascista nell’agosto del 1944, che identificò il fascismo come il nemico principale e chiamò gli alleati e la cooperazione britannica per un sostegno temporaneo alla ribellione contro i giapponesi. L’alleanza ha portato i giapponesi a lasciare la Birmania nel maggio 1945 e le forze sono state disarmate in seguito alla conferenza di Kandy a Ceylon (ora Sri Lanka) nel settembre 1945.

 

Durante l’occupazione giapponese, morirono da 170.000 a 250.000 civili.

 

Dopo la guerra: l’indipendenza della Birmania

Dopo la guerra, Aung San continua a essere un perno per il futuro della Birmania e l’indipendenza britannica è promessa con la firma dell’Aung San-Attlee Agreement il 27 gennaio 1947. Sfortunatamente, U Saw, un primo Il ministro conservatore prebellico della Birmania aveva Aung San, e molti dei suoi ministri in seguito assassinato quell’anno il 19 luglio (che è stato ricordato come il giorno del martirio). L’indipendenza finalmente si concretizzò il 4 gennaio 1948, così come il prossimo leader socialista, Thakin Nu.

 

Ultime notizie – Indipendente Birmania e Stato socialista di Ne Win

Tra il 1948 e il 1962, la Birmania iniziò a rafforzare il suo potere economico e, dopo aver ricevuto il sostegno iniziale dall’estero, decollò rapidamente. Questo periodo ha visto un aumento dell’instabilità politica in Birmania, una vittoria comunista in Cina nel 1949, e le regioni settentrionali della Birmania sono state più influenzate da questa presenza. Il paese stava iniziando a diventare instabile.

 

La situazione fu momentaneamente calmata dal governo provvisorio di Ne Win, che lasciò il posto a nuove elezioni generali nel 1960. Purtroppo questo portò rapidamente a un colpo di stato, arrestando diversi leader e stabilendo la sua visione di uno stato socialista guidato dall’Unione di Consiglio Rivoluzionario.

 

Diverse manifestazioni si sono svolte nel 1962, tra cui una dimostrazione pacifica di studenti presso la Rangoon University. Più di 100 studenti sono stati uccisi quando è intervenuto l’esercito, segnando l’inizio di un periodo di disordini e incertezza che avrebbe cambiato il paese per sempre.

 

Ne Win stabilì rapidamente il suo stato socialista ideale, isolandolo dal resto del mondo, stabilendo un sistema monopartitico e un commercio e un’industria nazionalizzati.

 

La rivolta 8888 (08/08/88)

nche se si è ritirato come presidente nel 1981, Ne Win rimase al potere fino al 1988. L’economia ha cominciato a crescere come il governo ha cominciato ad accettare più aiuti stranieri, ma che cade I prezzi delle materie prime e l’aumento del debito nazionale alla fine hanno demonetizzato alcune banconote che hanno cancellato i risparmi della maggior parte dei birmani.

 

Ciò ha provocato rivolte in tutto il paese, che hanno portato l’esercito a prendere il sopravvento e ignorare la costituzione della legge marziale.

 

L’insurrezione dell’8888 (08/08/88) iniziò con la protesta di persone in tutto il paese in nome della democrazia. Nel caos, la figlia di Aung San (che aveva fatto tanto in nome della indipendenza e libertà), Aung San Suu Kyi, è nato come un leader naturale, chiedendo aiuto per porre fine proteste e ai morti.

 

Aung San Suu Kyi nel 2012

“Vorrei che tutti i paesi del mondo riconoscessero che i birmani venivano massacrati senza motivo” Aung San Suu Kyi.

 

Il governo controllato dall’esercito cambiò la Birmania in Myanmar nel 1989, vedendo la fine dello stato socialista e mettendo il passato alle spalle. Il nome di cui il nome ufficiale del paese in Birmania “Myanma”, che ha le sue origini nel Mranma, il nome del Bamas stessi ha dato quando sono venuti al fiume Irrawaddy nel 9 ° secolo. Questo doveva essere un nome più inclusivo per il resto dei gruppi etnici nel paese perché era non solo i birmani che vivevano in Birmania.

 

Nel 1990, la Lega nazionale per la democrazia (Nld) ha battuto il Partito di unità nazionale (NUP – il successore del precedente governo) con il 90% dei voti guidata da Aung San Suu Kyi. Tuttavia, l’esercito ha continuato a intervenire, tenendo arresto Suu Kyi (che ha ricevuto il Premio Nobel per la Pace nel 1991, ritirato nel 2016 per il suo non coinvolgimento nel conflitto della Roginghas.). La pressione internazionale e le sanzioni economiche hanno visto l’esercito di sostituire il generale Than Shwe da Saw Maung, che è stato rilasciato pochi leader politici, ma ha lasciato gli arresti domiciliari di Aung San Suu Kyi fino al 1995. Aung San Suu Kyi è stato posto agli arresti domiciliari dal settembre 2000 a maggio 2002.

 

Riforme democratiche in Myanmar (2011-2016) sono ancora in corso, tra cui la liberazione di Suu Kyi, la creazione di condoni, la Commissione per i diritti umani per più di 200 prigionieri politici, il controllo dei media e così come la regolamentazione monetaria.

 

Nelle elezioni del 2012, il partito di Suu Kyi (Lega nazionale per la democrazia) ha vinto 41 delle 44 sedi, incluso il proprio seggio nel parlamento birmano. Nelle elezioni generali del 2015, l’NLD ha vinto la maggioranza assoluta dei seggi in entrambe le camere del Parlamento birmano, assicurando che il suo candidato sarebbe diventato presidente. Tuttavia, con Aung San Suu Kyi costituzionalmente vietato essere presidente nel 2016 il suo compagno fidato e fedele Htin Kyaw è stato nominato il primo presidente non militare del paese dal 1962, con Aung San Suu Kyi di diventare consigliere di Stato (simile nella posizione del Primo Ministro).

 

Perché Rickshaw lo chiama Myanmar?

La storia della Birmania pic 3
Le pagode Birmanie

Il Myanmar ha attraversato molte difficoltà e, sebbene il cambio di nome sia caduto sotto il regime militare, ha visto la fine di uno stato socialista a partito unico e ha mirato a rendere il paese più inclusivo per la sua intera popolazione. . Ha inoltre segnato l’inizio di un periodo di cambiamento e di speranza per il popolo del Myanmar, di avere una propria democrazia e di realizzare un’era di pace tanto necessaria.

 

Chiamare il Myanmar, la Birmania (pensiamo a Rickshaw) è un ricordo del suo passato quando si guarda al futuro. Tuttavia, è un argomento estremamente complesso e controverso. Conoscere la storia di Myanmar ci aiuta a vedere che non è mai così semplice come inizialmente pensato. Che tu lo chiami Birmania o Myanmar, siamo tutti d’accordo che si tratta di un paese incredibile.

 

Perché visitare il Myanmar?

Con un arazzo di storia, religioni, paesaggi e culture incredibili, perché non vorresti andare? Tuttavia, c’è un punto qui che è più grande di quello. Con un passato straziante, visitare un paese che si fa strada nel mondo, portando il turismo a dare all’economia una spinta tanto necessaria, lo rende più significativo per noi, e speriamo anche tu.

La storia della Birmania pic 4
La roccia d’oro

Come pensi di Myanmar? È bello? Perché non portare lo zaino e vai in Myanmar subito?

Tags
Show More

MinhNgoc

Ciao a tutti Mi chiamo Ngoc, sono laureata spesso il Dipartimento di Italianistica alla Università ad Hanoi. Mi piace esplorare paesi nel sud-est asiatico e nel mondo. Desidero che un giorno potrò visitare la bella Italia.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Close